Se potessimo cambiare il finale
Videoregistrazioni: altro

Speciale, Alessandra

Se potessimo cambiare il finale

Abstract: Il documentario racconta, in modo semplice e diretto, come può essere facile scivolare da una situazione di rischio a un episodio di abuso o di violenza sessuale e a chi rivolgersi per chiedere aiuto. Una serie di interviste illustrano l'attività del Centro Soccorso Violenza Sessuale che opera presso la Clinica Mangiagalli di Milano. Il Pronto Soccorso Violenza Sessuale di Milano-SVS riceve in media 5 casi a settimana. Due su cinque sono minorenni. Il 60% degli aggressori sono persone conosciute o familiari. Questi dati sconvolgenti sono stati rilevati dal SVS in circa dieci anni di attività. Siamo ben lontani dall’immaginario comune che attribuisce sempre la violenza sessuale al diverso, allo straniero, allo sconosciuto incontrato per strada (dati del 2005). Con discrezione e umanità, il documentario racconta storie di stupri e abusi, senza esibirne il dolore. Attorno a queste donne e bambini invisibili ma presenti, si stringono le operatrici del SVS, specializzate nel primo soccorso alle vittime di violenza sessuale: un momento così importante per l’elaborazione futura del trauma. “Riconoscere la violenza è il primo passo verso la guarigione” dice in un’intervista Alessandra Kustermann, coordinatrice del Pronto Soccorso. “Qualunque atteggiamento che ponga sulla vittima la colpa della violenza subita può essere nefasto per l’elaborazione di questo grave lutto, che la donna o il bambino comunque dovrà elaborare nel corso del tempo”. Al soccorso professionale del SVS si affianca anche la necessità di sostenere campagne di sensibilizzazione che cambino la percezione sommaria di questo problema sociale, immaginato a torto come qualcosa di lontano dalla cosiddetta “normalità”, frutto di situazioni di miseria e povertà. Negli interventi di prevenzione, giocando sulla linea sottile del consenso, i più piccoli sono educati al rispetto del sì e del no, mentre i ragazzi e le ragazze sono coinvolti in una drammatizzazione dove mettono in gioco il loro corpo sperimentando una violenza virtuale non così lontana dalla realtà. Se potessimo cambiare il finale… è anche un sogno in cui osiamo immaginare una giovane donna per le strade di Milano, alla conquista della città, godendosi una notte dal tramonto all’alba, tranquilla… serena.


Titolo e contributi: Se potessimo cambiare il finale : [Videoregistrazione] : SVS : il Soccorso Violenza Sessuale / un documentario di Minnie Ferrara e Alessandra Speciale ; regia di Alessandra Speciale ; riprese: Roberto Ferrari, Marjo Ferwerda, Fabrizio Lo Palombara ; montaggio: Giusi Santoro ; musiche originali: Andrea Delpian ; coordinamento per la Provincia di Milano: Massimo Cecconi, Aurelio Citelli, Renato Minotti

Pubblicazione: Milano : Medialogo, Servizio audiovisivi della Provincia di Milano, Minnie Ferrara e Associati, 2006

Descrizione fisica: 1 Videocassetta (Mini DV) (49 min.) : color., son.

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Alessandra Speciale è nata a Milano nel 1965. Studia storia e critica del cinema all'Università di Pavia. Dal 1991 si occupa della direzione artistica del Festival del cinema africano di Milano. Dal 1991 al 1999 è caporedattore della rivista Ecrans d'Afrique/African screen. Dal 1999 comincia a scrivere e realizzare soggetti di documentari.

Nomi: (Altro) (Altro) (Compositore) (Autore) (Autore) (Altro) (Autore) (Regista [Direttore])

Soggetti:

Classi: 364.1

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Seconda data: 2006

Sono presenti 2 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Medialogo G 04122 Videodisco (DVD) GEN-5753 Su scaffale Disponibile
Medialogo D 00346 AVI GEN- Su scaffale Disponibile
Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.